Matteo Dellepiane  -  1979 - 2019


Yesterday our dear friend and colleague Matteo Dellepiane died, after fighting a few months with a cancer.

He was an extraordinary person in all sides of his personality.

A bright scientist, fostering innovation, having wide interests and ideas, very clever in motivating people and keeping a positive approach.

But he was also excellent on the human side. Computer scientists are often very self-confident and not so clever in understanding and empathizing with people. Conversely, notwithstanding his value Matteo was a humble and direct person, able to enter in profound relationship with other humans. He had a very strong ethical integrity, which was always guiding him in his actions and choices. Generous, not worried to spend his time to help others (either because friends or relatives or unknown). A person who loved to donate to the rest of the world.

In my activity leading the lab, Matteo very rapidly became one of my main collaborators; he was source of ideas and the first to perceive issues, a person whose opinion and suggestions I valued a lot while trying to cope with many types of problems or matters arising in these years. It is a usual phrase, but in this case it is definitely true: he will leave an incredible loss and a huge empty space in our life.

We want to keep memory of who was Matteo and how much he contributed to the life of a very wide number of persons. This page is intended as digital notebook where we hope many of us who had the pleasure to know Matteo would leave memories and facts. With the aim that this small resource could be helpful to his wife Paola and his small son Alessio, to know how much a beautiful person was his father and how much we also miss him.

Roberto Scopigno - 14 Jan 2019


I knew him from many conferences, so smart, fun and talented. God bless his soul... :( Condolences to his family.
Selma Rizvic - 14 January, 2019

Quando viene a mancare qualcuno che ami è sempre una tragedia perché da quel momento la vita, la nostra vita non è più la stessa. Quando viene a mancare una persona anziana in qualche modo siamo preparati e il dispiacere viene mitigato da una attesa alla prossima assenza. Quando viene a mancare una persona giovane, buona, brava, generosa, gentile, disponibile, intelligente, abbastanza saggio da saper vivere tutto con ironia, uno scienziato dal grande talento e dalla infinita sensibilità, un compagno di viaggio in tante cose, il vuoto non può essere colmato. La sola cosa che riesco a pensare è che Matteo, per qualche motivo che non comprenderemo mai nella nostra infinita limitatezza, abbia deciso che doveva continuare il percorso da una posizione più alta per poterci accompagnare, la sua famiglia e la nostra comunità, verso una vita migliore fino a quando non torneremo tutti insieme belli e splendenti. Ora lo immagino là bello e radioso ben oltre le sfavillanti immagini digitali e la grande cultura che ci ha lasciato, pronto a guidarci e mostrarci la strada. Ciao Matteo, ti teniamo e ti terremo con noi come tu ci hai sempre tenuto con te, grazie per quello che ci hai dato e sta pronto.... fra un po' ricominciamo....tutti insieme! Marco
Marco Gaiani - 14 January, 2019

OMG...R.I.P., Matteo!! I am shocked, devastated and sad about those horrible news !! I still remember his subtle humor, his eagerness working on tough problems and his braveness tackling new problems. A dedicated and hard working researcher! My thoughts are with his family, friends and colleagues...Where ever your path is going, Matteo, good luck and farewell!!!!!!!!!! God bless your soul...
Holger - 14 January, 2019

Who didn't know Matteo? I think that everybody working in this field has checked at least once the Meshlab tutorials that he used to sign with the funny pseudonym of Mr.P. And his publications with the ISTI-CNR group are a significant piece of the scientific background of the discipline in which we are involved. My knowledge of Matteo was more professional than personal, and I remember him in several conferences either for the intelligent questions he used to ask or for the interesting chats at the coffee breaks. Only once, coming back to Italy from a conference in Spain, we made a car trip from Avila to Madrid just the two of us, chatting all the time. And I had the possibility to discover not only a great scientist but a great person, using his time in a very altruistic way like helping sick children in hospitals. It's very sad to know that such a person passed away so young. RIP Matteo.
Gabriele Guidi - 14 January, 2019

This is terrible news. Matteo was such a kind and gentle person. He spent time with us in Cape Town and I had the pleasure of showing him and his mascot the Cape, I cant remember his name, but he seemed part or Matteo. I had to stop at every point of interest and Matteo took photos of his little companion with penguins against the back ground of table mountain,at the University and on the beach he was so excited about the new environment and its beauty. I have never forgotten these few days with him. Matteo came to discuss our heritage documentation work with us and we benefited immensely from his knowledge and support. It is difficult to believe that he is no longer with us. I wish his family and friends strength in this difficult time We will not forget you, Matteo .
Heinz Ruther - 14 January, 2019

Matteo era una persona che ho sempre incontrato con immenso piacere. Parlavamo di tutto come se fossimo vecchi amici e invece ci incontravamo solo per conferenze. Era una di quelle persone che appena le conosci ti fanno sentire come se le conoscessi da sempre. Ero un fan delle sue attività, una volta gli chiesi una foto con Mister P. Non credo lo dimenticherò facilmente, mi mancherà il non ritrovarlo alla prossima conferenza. Ciao Matteo
Filippo Stanco - 14 January, 2019

Matteo, sei stato un'anima bella e coraggiosa, un ricercatore eccezionale, bravo e modesto, profondo e leggero come una farfalla, sarcastico e divertente. Insomma unico nel tuo genere. Non ci sono parole per contenere il dolore di una perdita del genere. Come faremo senza di te?
Sofia Pescarin - 14 January, 2019

With deepest condolences to Matteo's family and colleagues. The description of his strengths as a colleague as well as a scientists is exactly correct. He was a great person to work with. I have very fond memories of our two campaigns together scanning the Anglo-Saxon Stone Crosses in Ruthwell and Bewcastle. He was a great scientist, always willing to do what it took to get the data. But also a very enjoyable companion when you are stuck in a self-catering cottage in the wilderness. Best wishes to his family and friends. May you have some joy in a difficult period from the memories people are posting here.
Daniel Paul O'Donnell, University of Lethbridge, Canada - 14 January, 2019

This is devastating news. He already made many wonderful contributions to our community all around the world -- both technical and human. My sympathies are with his family and coworkers for such a tragic loss.
Holly Rushmeier - 14 January, 2019

I'm shocked after receiving such bad news! It is a great loss, for his family, his friends, his lab colleagues and the whole computer graphics community. Matteo always intended (and achieved) to serve the society, providing new ideas and solutions to, mainly, cultural heritage issues... you know. I'll never forget his invaluable help with my first Backup3D project. It will remain in the credits of the first video we rendered, and in my heart. Those who remain here (we) must learn from his life, and try to be as kind and motivating as he was. I'll pray for his family and friends. From Heaven he will take care of them, as he did in life. Sure. Rest in peace, Matteo.
Javier Melero, Univ. Granada - 14 January, 2019

Siamo tutti increduli, Matteo, di fronte alla tua perdita, proprio tu, così giovane, così solare, così gioioso, così impegnato e appassionato in quello che facevi. Resteranno in noi per sempre le tracce di questa tua gioia di vivere unita a una grande professionalità. Lasci molto e non sei vissuto invano. Qui l'ultimo tuo seminario che abbiamo registrato http://www.labcd.unipi.it/seminari/matteo-dellepiane-i-modelli-3d-ad-alto-dettaglio-nei-beni-culturali/
Enrica Salvatori - 14 January, 2019

Caro Matteo, purtroppo non ho avuto moltissime occasioni per conoscerti da vicino ma da quello che ho intuito in queste poche occasioni, e dal dolore che vedo, sento e leggo nelle persone che ti conoscevano meglio, credo di aver perso tanto e rimpiango le occasioni che non ci sono state. Ti ho conosciuto "di fama" prima di aver avuto la possibilità, per la prima volta, di stringerti la mano (eravamo a Marsiglia, ricordi? eri il chair della mia sessione), e ho avuto subito l'impressione di una persona non solo molto competente ma anche umana, calda e molto simpatica. Nelle poche altre circostanze in cui ci siamo frequentati ho sempre avuto modo di confermare questa mia impressione, e mi addolora sapere di non avere altre possibilità per approfondire la nostra conoscenza. Sono sconvolto dal pensiero del dolore che sta provando la tua famiglia e unisco la mia goccia di affetto al mare che sta arrivando da ogni dove, con la speranza che questo mare possa alleggerire, anche di pochissimo, questo immenso dolore. Un abbraccio Matteo, dal tuo "affine" Marcello.
Marcello Carrozzino - 14 January, 2019

Our dear friend Matteo was an extraordinary and sweet person, he brought joy and happiness to all around him. The world felt lighter around him, always so positive and cheerful. The only time I saw desperation in his face was when a little monkey tried to steal Mr P while posing for a photo on a trail in a forest in Rio de Janeiro. He was very generous and dedicated to making this world a better and more joyful place, and he truly succeed in this task. Now that he left, there is certainly so much sadness in everyone that knew him, but we can consider ourselves lucky to have met Matteo, and specially honored to be his friend. Matteo, dear friend, thank you for touching our lives in such a beautiful manner, we will miss you so so so much ...
Ricardo Marroquim - 14 January, 2019

I did not know Matteo for very long, but he is one of those people you remember. When I first met him in 2011, in Pisa, he took me to a community circus he was part of that helped kids do something productive with their spare time. His passion was evident and it was great to see how involved he was. He even convinced me to sit in on a little audience participation ‘play’, which was a bit startling but fun – all in Italian! He was a good and kind person, and that was plain to see in the way he treated others, and how people responded to him. Professionally, he was always interested in your opinion and always had something interesting and positive to contribute to work discussions. Even when he was very ill, he continued working on our project, without complaint. The fact that he is gone still feels surreal. I will remember that crazy curly hair and wide grin very fondly – rest peacefully Matteo.
Patrick Marais - 14 January, 2019

Ciao Matteo, it has been a privilege to share if only a little time with you. Today is a very sad day, one of those days when time is simply not enough to mourn all those you knew that passed away. I was shocked when I've got the news this morning, a very sad one indeed. Thus it is so that I started remembering the moments when we crossed our paths; I always thought I should have been able to spend some more time with you. That time will never come to pass, and this is sad. I hope you are in a better place.
Antonio Cisternino - 14 January, 2019

I am very sorry to hear such sad news. Even though I knew him little (unfortunately), I think that Matteo, as a scientist, researcher and human has done many things that will outlast him. My first acquaintance with him was done by reading his articles - benchmark works in the field of computer science and cultural heritage. Then, I was honoured to meet him at the Eurographics Workshop for Cultural Heritage 2016 in Genova. He raised the smartest questions and comments for my presentation, as for him, he delivered a very cursive speech, where he clearly conveyed complex work with excellent oratorical skills. Moreover, he was very gentle to guide me and other colleagues into a very delightful tour of Genova, where he passionately walked us through the history, culture and architecture of the city, the worth of ten normal guides together. I thanked him then and I thank him now, as well - may all the good he left behind make his memory an everlasting one!
Irina Ciortan - 14 January, 2019

Leggere la mail di Roberto è stato devastante: una notizia che ci lascia attoniti. Il primo pensiero va ai suoi cari che hanno perso un padre e un marito generoso, premuroso e affettuoso, un prezioso compagno e una guida fondamentale. A noi mancherà la sua grande passione, la sua indefessa dedizione e le sue insostituibili competenze. Sempre pronto a raccogliere nuove sfide, mai stanco di dedicare il suo tempo per condividere le sue conoscenze, è sempre riuscito a coinvolgere i suoi interlocutori, esperti e non, con la sua brillante ironia e la sua singolare intelligenza. Il vuoto che ci lascia è grande e solo in parte potrà essere colmato dalla tangibile testimonianza del suo ineguagliabile lavoro e dai preziosi risultati che ha conseguito. Caro Matteo, abbiamo avuto la fortuna di incrociare la tua strada, seppure per un tratto troppo breve, ma avremo la fortuna di serbare sempre nel cuore e nei pensieri il tuo sguardo, il tuo sorriso e la tua grande umanità.
Fabrizio Apollonio - 14 January, 2019

Ciao Matteo...
Michi Spagnuolo - 14 January, 2019

Caro Matteo, ti ho incontrato poche volte di persona ma in quelle poche occasioni sei sempre stato gentile, generoso e ironico. Ricordo quella volta in cui venni a trovarti a Pisa tanti anni fa, in un clima estremamente giocoso ma ricco di spunti e osservazioni. Ci siamo incontrati in scuole, conferenze, coffee break, progetti... una presenza costante con i grandi contributi che hai dato alla nostra comunità. Ovunque tu sia ora, fai buon viaggio
Bruno Fanini - 15 January, 2019

This is very sad news. I know Matteo not only from the work we did together in several European projects and from his papers I was reviewing but I had the honour also to visit the ISTI department several times where he guided me through his developments and projects. I will remember his from his gentle smile and good mood. Matteo, we as computer graphics community and colleagues owe you a lot, as a CG scientist and software developer but also as a great and warm person.
Daniel Pletinckx - 15 January, 2019

Very unfortunate news. We knew him trough his vivid scientific work that it was always an inspiration for our teaching and research tasks. With deepest condolences to his family and close and distant colleagues.
Dimitrios Makris - 15 January, 2019

Matteo, grazie per il tempo e per la passione che ci hai donato come docente a informatica Umanistica. Il tuo regalo è stato impagabile per tutti i nostri studenti, che ti porteranno per sempre con loro. Ci mancherai.
Alessandro Lenci - 15 January, 2019

Ciao Matteo, grazie per essere stato con noi e per quello che ci hai dato.
Carlo Meghini - 15 January, 2019

Ciao Matteo, grazie di tutto e soprattutto grazie della persona che sei stato. Conserverò per sempre il ricordo di averti conosciuto.
Alessandro Bezzi - 15 January, 2019

R.I.P. Matteo. Thank you for your example of avalability and passion. I have no words today.
Davide Borra - 15 January, 2019

Ciao Matteo... Ciao Mister P...
Carlo Battini - 15 January, 2019

Caro Matteo, fra le tue innumerevoli qualità c’era una viva e forte curiosità. Forse per questo ti immagino qui a chiedermi come la vivo, cosa ne penso di questa tua assenza. Ha un sapore strano sai? La vita mi ha già fatto conoscere il lutto, ma ogni lutto ha un sapore tutto suo, e questo ne ha uno tutto particolare. Siamo abituati, noi ricercatori in particolare, a cercare un senso in tutto quello che ci circonda. Lo cerco anche qui: cerco un motivo, una spiegazione. Io non ne trovo, e lo so dentro di me che non c’è, ma cerco ancora e ancora; e questo cercare lascia un sapore amaro in bocca, il sapore dell’ingiustizia. La tua età, la tua famiglia, le tue qualità umane e intellettuali erano tali da non lasciare appigli nel cercare di rispondere alla domanda “perché proprio a te”. Sì, lo ammetto, in alcuni momenti mi sento anche in colpa. Sento che dovrei fare qualcosa per meritare di essere qui, sopravvissuto alla tua morte. Sento il dovere di essere migliore, di prendere quel pezzo di te che porto dentro e guardarlo, studiarlo per cercare di essere una persona migliore. Chissà se avevi già preparato la relazione sulla tua attività di ricerca nel 2018. Per chiunque altro al tuo posto sarebbe assurdo anche chiederselo, ma da te ci si può aspettare anche questo. Se non l’hai fatta la prepariamo noi. Deve esserci anche la tua in questo mucchio di scartoffie che descrive l’anno solare al CNR. E quando ci troveremo per l’ISTI day, sarà bene che tu parli, anche se con una voce non tua, raccontandoci quello che hai fatto e quello che avresti voluto fare. Il sapore dell’ingiustizia in bocca, non va via. Penso però che se io fossi in grado di ascoltare la tua voce mi aiuteresti a superarlo. La tua fede io non ce l’ho. Ci sono cose che non riusciamo a immaginare e a simulare e ci danno il senso dell’assenza, quella vera e definitiva. Fra queste, per me, c’è la tua capacità di mettere in relazione la ricerca di senso con la fede. Non riesco a immaginare cosa risponderesti a queste mie parole ed è giusto così: se fossi oggi in grado di parlare con te come se tu fossi qui, di immaginare le tue risposte e le tue domande, non saresti stato quella persona speciale che invece eri. Non sono stato un tuo grande amico e non ho conosciuto la tua famiglia. Per questo posso parlare solo del vuoto che lasci come collega, come ricercatore, come membro di quella comunità che chiamiamo ISTI. In questo contesto quello che rimane di te è allo stesso tempo il vuoto di un esempio che viene a mancare e l’esaltazione di un modello che da oggi in poi sarai per noi sopravvissuti. Ciao Matteo, spero che saremo in grado di tenerti qui con noi il più a lungo possibile. Lo spero per noi, Fabrizio
Fabrizio Falchi - 15 January, 2019

Ciao Matteo... come mi piaceva quel tuo ottimismo di saper trovare sempre una soluzione, peccato non esserci potuti conoscere di più. "e alôa mi pénso ancón de ritornâ a pösâ e òsse dôve ò mæ madonâ."
Gabriele Gattiglia - 15 January, 2019

From all of us to his family and all of you, our most heartfelt condolences. He was a brilliant mind and fun to be with from all the conferences and project meetings we attended. Ci vediamo Matteo ..
Pedro Santos, CHD, Fraunhofer IGD, Germany - 15 January, 2019

A volte il mondo ci sovrasta con dei fatti di una tristezza indicibile. Proverò a portare con me un po' della scintillante vitalità di Matteo, che si perda il più tardi possibile. E lo ricorderò sempre con affetto, ogni volta e nei modi che potrò, che la sua memoria ci accompagni, e ci aiuti a dare ancora più valore a questa breve, fottutissima, meravigliosa vita.
Lorenzo Garzella - 15 January, 2019

Ci siamo incontrati un paio di volte, quando muovevo i primi passi nel mondo della ricerca. Matteo mi aveva fatto pensare che avrei voluto diventare come lui: brillante, ma sempre umano e pronto allo scherzo. Mi addolora leggere questa notizia. Un forte abbraccio ai suoi amici e famigliari
Sara Zanni - 15 January, 2019

Ciao Matteo, è difficile esprimere con poche parole quanto tu fossi importante per la nostra comunità per le tue grandi capacità scientifiche e le tue doti umane. Il mio pensiero va alla tua famiglia e al vuoto incolmabile che hai lasciato.
Bianca Falcidieno - 15 January, 2019

Rest in peace Matteo. We have worked together in a few European projects. A hard working researcher with great contributions in his research field. It's devastating to know that such a young person passed away. My sincere condolences and sympathy to his family and coworkers. RIP Matteo.
Anestis Koutsoudis - 15 January, 2019

Un collega in gamba, appassionato del suo lavoro, molto acuto nel valutare i problemi da risolvere. Mi sarebbe piaciuto avere più tempo da trascorrere con lui perché era anche un amico, una persona sempre disponibile, con cui era facile parlare di tutto. E quando ci trovavamo intricati in cose di lavoro aveva sempre una battuta con cui alleggerire, mettere le cose in prospettiva. I miei pensieri vanno alla famiglia, a Paola e Alessio un abbraccio affettuoso e le più sincere condoglianze da parte mia e di Cecilia. Riposa in pace Matteo.
Roberto Rosselli Del Turco - 15 January, 2019

Matteo, it is wonderful to have had the privilege to work with you. Your technical brilliance; your vision - and your cheerful good humour will be sorely missed. From all your friends in the University of York. Ciao.
Julian Richards - 15 January, 2019

Come dimenticarlo?!! Impossibile!!! Ho avuto il piacere di conoscerlo in occasione di conferenze e mi aveva molto colpita, per il suo brio, la sua solarità, la sua bella energia. Riposa in pace, Anima Bella. Un abbraccio di conforto alla sua famiglia ed ai suoi affetti.
Katia Brigaglia - 15 January, 2019

Ciao Matteo, quando sono stato da voi, sei stata una delle prime persone che ho incontrato. Anche se ho passato poco tempo con te, in quel poco tempo ho capito che splendida persona sei. Mi reputo fortunato perché ho avuto l'opportunità di conoscerti e questo mi ha permesso di crescere. Porterò sempre con me il tuo ricordo.
Nicola Capece - 15 January, 2019

Talentuoso, preparato, intelligente, ironico, ma soprattutto una splendida persona! Matteo resta nel cuore di tutti per l'allegria e l'entusiasmo che metteva in ogni cosa facesse. Era sempre un piacere incontrarlo, era sempre interessante ascoltarlo. Persone cosi' mancano immediatamente tantissimo. Un abbraccio ai suoi colleghi e ai suoi cari. --- Talented, experienced, bright, ironic, but above all a wonderful person! Matteo remains in everyone's heart for the joy and enthusiasm he put into everything he did. It was always a pleasure to meet him, it was always interesting to listen to him. People like that are immediately missing a lot. A hug to his colleagues and loved ones.
Fabio Bettio - 15 January, 2019

I am terribly sad hearing that Matteo passed by. I will always remember him as one pillar of "the M&Ms" - such a nice person and excellent researcher. Matteo, rest in peace. My condolences to his family.
Andre Stork - 15 January, 2019

sono davvero molto colpita dall'improvvisa assenza di Matteo. Sempre cordiale e collaborativo. Per il Nettuno a Bologna ha lavorato con grande passione. Mancherà a tutti i collaboratori e ancor più alla sua bella famiglia.
Manuela Faustini - 15 January, 2019

Matteo, come badante per il Callieri non sei stato male. Io non riesco s scordare il meraviglioso video girato nel tuo ufficio pseudo horror con Marco in un angolo che tentava di suonare una sega... rischiando le dita. Che sei brillante lo dicono già tutti gli altri, per me la tua extravaganza e gentilezza sono le caratteristiche che mi hanno colpito subito. Non ho parole, nessuna, sono amareggiato e pieno di rabbia. Ti voglio bene Matteo, buon viaggio.
Diego Colombo - 15 January, 2019

This is really a shocking and terrible news... What else should be said? Great researcher, great human person: everybody will miss him... All the good he did will be remembered for long...
Enrico Gobbetti (and the rest of CRS4/ViC) - 15 January, 2019

Dopo averlo conosciuto ai tempi della scuola di archeologia e computer grafica V-musT, lo avevo soprannominato scherzosamente 'l'ingegnere creativo', il professore dal naso rosso'. Ai suoi schietti e impagabili consigli devo in parte la scelta di intraprendere il dottorato. Il suo supporto, il suo occhio vigile e al contempo premuroso non é mai mancato, anche quando la ricerca si é sensibilmente allontanata dal suo principale ambito di competenza. Non é facile sintetizzare la sua caleidoscopica personalitá che coniugava serietá e allegria, umanitá e professionalitá, esuberanza e saggezza. Se fosse qui ora forse mi direbbe: 'non puoi includere tutto; quello che non riesci a elaborare lo metti da una parte e lo sviluppi dopo'. E'assurdo e doloroso pensare che quel dopo non lo vedrá, ma ne sará sicuramente una parte. La passione per il teatro che condividevamo mi fa pensare alle parole di un maestro dell'assurdo, Eugéne Ionesco, che diceva: “Ci sono più persone morte che vive. E il loro numero è in aumento. Quelle viventi diventano sempre più rare.” Tu Matteo, resti sicuramente tra i significativi sopravvissuti. Mancherai
Manuela Ritondale - 15 January, 2019

Abbiamo studiato tanto ma nessun algoritmo può spiegarci e darci conforto per queste assurde dinamiche della vita. Ciao Matte porterò con me il ricordo affettuoso del tuo sorriso e della allegria che hai saputo donarci durante gli anni all'università.
Silvia Ferrando - 15 January, 2019

E' tanti anni che ci conosciamo e incrociamo in diverse attività con matteo..non ci conoscevamo benissimo ma ho il ricordo di un ragazzo solare e gentile, qualità molto rara. Un abbraccio per chi è nel dolore e una preghiera per la sua famiglia.
Francesca Rossi - 15 January, 2019

We met in 2010 in a conference in Granada and I was amazed by your talent, positive attitude and friendly smile. I have had the privilege of working with you only in a very few situations but it was a great experience. I can barely guess what terrible loss is for your family, friends and colleagues.... The memory of that funny skiing day on the Dolomites in 2012 is my favourite souvenir. Farewell Matteo
Daniele Ferdani - 15 January, 2019

Stupito e adoloratissimo: ci mancherai.
Pierpaolo Degano - 15 January, 2019

Le tue lezioni, nel lontano 2010, hanno fatto nascere in me la passione per quello che è poi diventato parte del mio lavoro e della mia vita. Grazie
Andrea Parodi - 15 January, 2019

This is terrible. I am really shocked. I remember Matteo as a clever scientist, and I enjoyed reading some of his papers, learning many things from him. Also, I remember him as a wonderful person and as a friend. My initial (and main) main memories come from November 2007, when we spent a week in Ripoll to scan the huge "portalada" of the Ripoll monastery. He was indeed a great person.
Pere Brunet - 15 January, 2019

Matteo there are so many memories; the first time we met in Cyprus, the scanning campaigns in Pompeii, our visits to your lab in Pisa, your visits to us in Lund, dinners at Rauhrackel, conferences, our endless questions and your patient answers. Memories imbued with good feelings thanks to your humor, silliness, positivity, kindness and eagerness to help out. Even though yours was a life cut tragically short, it was a life well lived. We will always remember and cherish that. Our deepest condolences to his family and his colleagues at the lab.
Stefan Lindgren and Carolina Larsson, Lund University - 15 January, 2019

Una notizia devastante, resto incredulo. Un pensiero ovviamente va ai tuoi cari, ma non posso dimenticare quel pomeriggio in cui per ore hai ascoltato due folli come me e il mio amico Corrado parlare di idee, sviluppi e algoritmi da integrare in Meshlab. Attorno ad una tazza di tè in un freddo inverno con la tua calma e leggerezza ci hai aiutato a capire quali direzioni prendere per le nostre ricerche, cosa sarebbe stato fattibile e utile e cosa evitare assolutamente. Un pomeriggio, una luce nella foschia delle nostre ricerche, una luce chiara limpida fatta di semplicità intelligenza e competenza... una luce che purtroppo non vedremo più. Ciao Matteo.
Mauro Saccone - 15 January, 2019

Perdonami Matteo, ma non ce la faccio. Non ce la faccio a raccontare della nostra amicizia, non ce la faccio a parlare della tua gioia intrinseca, dei filmati fatti insieme, dell'ultima volta che ti ho incontrato con tuo figlio in braccio e quel cappello che ti eri messo per nascondere gli effetti della chemio... Non sono riuscito nemmeno a venire al tuo funerale, a darti l'ultimo addio. Da ieri un groppo mi attanaglia la gola e scendono lacrime involontarie. Perdonami.
Giuliano Kraft - 15 January, 2019

Che notizia terribile e dolorosa. Caro Matteo, oltre ad essere un ottimo ricercatore eri una bella persona; conoscerti è stato un piacere. Le mie più sentite e sincere condoglianze alla famiglia.
Silvia Bertacchi - 15 January, 2019

Brilliant, creative, caring, and always there when he was needed. The world is a smaller place now. All of us at Global Digital Heritage send condolences to his friends and family. We will miss Mr. P.
Herbert Maschner - 15 January, 2019

Non ho parole per esprimere una perdita cosi prematura. Ci mancherai, Ciao Matteo!
Silvia Biasotti - 15 January, 2019

So incredibly sad to see a bright person to go away so early in his years. I did not know Matteo personally, but I have a great appreciation for his Contributions. My condolences to Family and Friends
Joaquim Jorge - 15 January, 2019

He was one of the kindest people I knew and one of the first to offer help when I arrived at CNR without knowing me for more than a week. A big lost to the world. Hope you're doing great wherever you are Matteo. Big hug.
Sara Guerra - 15 January, 2019

Quando apprendi che si è spento il sorriso di una persona che amava veramente la vita a tal punto da farne di ogni attimo un capolavoro diventando un punto di riferimento per tanti, ti si annebbia la testa e cervello e cuore si mettono a lutto. Solo il lutto è quello che oggi porto nel mio cuore. Quando poi penso che la tua ultima telefonata ha illuminato il cammino della mia ricerca e sciolto tutti i nodi dei miei dubbi aprendomi prospettive nuove mi rendo conto di quanto, oltre che un genio tu fossi anche un super eroe. Si perché tutto questo è accaduto solo un mese e mezzo fa…e solo una persona con una forza da eroe può essere in grado di aiutare gli altri in una maniera così lucida, fino alla fine. Senza tirarsi indietro, senza lasciar vincere il dolore. Mi ricordo della prima volta che ti ho visto 6 anni fa, del tuo naso rosso da pagliaccio, del tuo pupazzo con il quale eri venuto a lezione. Quando ti vidi per la prima volta pensai che tu fossi una persona da prendere come esempio, una fonte di ispirazione, una mente innovativa da seguire, capace di creare cose pazzesche, di risolvere problemi incredibili, insieme ad un pupazzo a forma di papera… Una persona così geniale e così umile e sorridente allo stesso tempo. Non smetterò mai di ringraziarti per le ultime parole che hai speso per me, a un certo punto della telefonata eri diventato molto serio, intuivo che ci tenevi a farmi capire alcuni concetti importanti sui quali ci stavamo confrontando, che infatti hanno cambiato la mia rotta. E se adesso penso al tempo che hai speso al telefono con me, e al tempo che hai dedicato all’articolo anche se già stavi male, mi sento in debito con te…, io mi sento davvero in debito con te. Porterò avanti le mie ricerche tentando di seguire il tuo esempio e ti dedicherò il mio lavoro. Sei stato speciale Matteo, dovremmo essere tutti come te.
Annamaria Amura - 15 January, 2019

Ciao Matteo, le tue idee, il tuo spirito, la tua perspicacia e la tua energia positiva ci mancheranno molto. È sempre stato un piacere averti vicino, è sempre stato un piacere citarti come esempio di qualcuno da seguire. Ti ricorderemo sempre così. Condoglianze alla famiglia.
Denis Pitzalis - 15 January, 2019

Sebbene ti conoscessi poco ho il vivido ricordo di un paio di serate passate a ridere. Sono profondamente addolorata, senza parole. Ciao, Sara
Sara Gonizzi - 15 January, 2019

Ciao Matteo, è stato bello averti conosciuto. Marco
Marco Palma - 15 January, 2019

Mi dispiace tantissimo e non riesco a crederci. Eri una persona bravissima. Un saluto enorme da tutti ragazzi dell'improvvisazione di Livorno!
Alessandra Bardi - 15 January, 2019

I was lucky enough to attend one of Matteo's brilliant presentations many years ago, in Marseille. He was so funny but, just like in several of his events I followed later, he was also deeply engaging and incredibly accurate and committed. An inspiring example as a teacher and as a researcher. He will be missed.
Simone Garagnani - 15 January, 2019

I never met Matteo personally, but my daily life as researcher is surrounded by his contributions on our field! I deeply thank him for the generosity in sharing knowledge.
Asla Medeiros e Sá - 15 January, 2019

Ciao Matteo, mi mancheranno gli aperitivi assieme e tutto il resto...
Azzurra Scarci - 15 January, 2019

Non ci credo ancora... È stato un piacere conoscerti e averti come insegnante. La tua simpatia e professionalità non sarà dimenticata. Buon viaggio e scegli un bel posto per l'aperitivo. Un abbraccio a tutta la tua famiglia.
Clara Giannitrapani - 15 January, 2019

I feel shocked, sad, and sorry for all of you, guys, and for the family. I will always remember him, and I am sure that our community will make everything possible to keep him alive in our souls for the rest of our lives.
Marco Agus - 15 January, 2019

Non ti vedo da una partita di basket a Nervi, credo siano passati 10 anni. Ricordo un mare di risate. All'università eri su un altro pianeta e lo hai dimostrato. Mancherai a davvero tante persone. Un abbraccio, col pensiero.
Davide Salano - 15 January, 2019

Ho conosciuto Matteo ai tempi dell'università grazie ad amici in comune. Purtroppo, come spesso accade, negli anni ci siamo persi di vista e incontrati solo a qualche matrimonio. Un paio di anni fa lo incontrai davanti alle macchinette del caffè del CNR di Genova, dove lavoravo come assegnista. A quei tempi non sapevo se era arrivato il momento di gettare la spugna e trovare un lavoro "serio" o provare un concorso. Ricordo che mi disse di seguire il mio istinto. " Vuoi fare il ricercatore?Arriverà il tuo momento ma non mollare". Quelle parole piene di speranza mi fecero riflettere: pochi giorni fa sono diventata una ricercatrice a tempo indeterminato. Matteo, grazie per quelle parole che non sono state vane e che hai detto col cuore. Purtroppo qualsiasi mia parola in questo momento non potrà riportarti indietro ma mi piace ricordare questo episodio che porterò sempre nel cuore. RIP
Chiara Gambardella - 15 January, 2019

Ciao Matteo. Di te ricordo la gentilezza e quella mente lucida e fantasiosa che ti rende a speciale. Alla tua famiglia dono un forte abbraccio. È difficile trovare le parole giuste per una ingiustizia così grande. Ti ricorderò sempre con affetto. Buon viaggio.
Laura Papaleo - 15 January, 2019

Caro Matteo, ho letto con vero piacere le tantissime dimostrazioni di stima e di affetto che hai ricevuto su questa pagina. Le ho lette con tanta commozione ma, al tempo stesso, davvero con piacere: tutte, proprio tutte le persone che ti hanno conosciuto – anche se a volte in modo superficiale e frettoloso – hanno potuto apprezzare quale persona stupenda tu fossi. Non ripeterò i commenti di chi mi ha preceduto su questa pagina riguardanti la tua personalità, il tuo carattere, la tua bontà d’animo e neppure mi soffermerò sul contributo che hai dato al tuo, al nostro, laboratorio, alla ricerca, alla didattica. Condivido ogni singola parola già scritta. Mi piace invece sottolineare in questo momento una tua dote “emergente”, una dote che il nostro Istituto non ha avuto il tempo di sfruttare appieno ma che si manifestava con crescente evidenza ogni qualvolta eri chiamato ad una qualsiasi forma di coordinamento. Eri un leader naturale. Eri intelligente, molto intelligente, accurato e preciso nel lavoro, appassionato e curioso, curioso come dovrebbero essere tutti i ricercatori. E poi il tuo carattere, sempre gentile ma mai remissivo. Lo spiccatissimo senso dell’ironia, dell’autoironia e la grande capacità di relazione con tutti ti permettevano di portare avanti le tue idee ed i tuoi convincimenti senza inutili conflittualità. Come ha detto Roberto stamane in chiesa “la tua presenza era rassicurante e affidabile, sapevi fare squadra e motivare”. Hai dato tanto al nostro Istituto, a tutti noi, Matteo, e … il bello doveva ancora venire! Credo sia profondamente ingiusto che sia andata così ma … almeno per me non finisce qui. Grazie Matteo!
Claudio Montani - 15 January, 2019

L'ultima volta che ti ho visto è stata nel mio ufficio, a Genova. Eri passato a farmi un saluto durante una tua visita all'Area della Ricerca. E come accadeva durante gli anni dell'università, mi hai ascoltato. Non credo di averti mai ringraziato abbastanza per avermi aiutato a imbroccare la strada. Ciao Matteo, adesso riposa in pace.
Luca Caviglione - 15 January, 2019

Ciao Matteo, ho avuto il piacere di incontrarti sono in occasione di una conferenza, ma mi è bastato per rendermi conto della tua competenza e professionalità. Ricordo ancora la tua illuminante presentazione. Un abbraccio, Lucio
Lucio De Paolis - 15 January, 2019

Anche se non ti conoscevo molto ho il ricordo di cene passate a ridere, tanto. Una persona bella e genuinamente ironica e divertente. Sono senza parole. Ciao, Sara
Sara Gonizzi - 15 January, 2019

My sincere condolences to all of his family and colleagues in ISTI-CNR. I had the fortune to spend time with him during the 3D-COFORM project. He was such a nice, friendly and helpful colleague. Matteo will always show passion and interest for the research and he leaves behind great contributions to our community. He will be missed deeply by all of us!
Karina Rodriguez - 16 January, 2019

Caro Matteo, da quando ho saputo della tua malattia, non ho mai smesso di pensare all'importanza del contributo scientifico ed umano che hai dato alla nostra comunità. Non dimentichero mai quella chiacchierata tra le stradine di Granada, in perfetto equilibrio tra profondità tecnica e distanza critica ... completato da qualche bella risata. Da quella chiacchierata è nato il joint lab CNR-CNRS i cui membri oggi lavorano e continueranno a lavorare con te, sulle tue idee, sul tuo programma, onorando la tua memoria. Ci vediamo alla prossima riunione caro Matteo.
Livio De Luca - 16 January, 2019

Difficile descrivere il dolore che la tua perdita ha lasciato qui tra noi, Matteo...Quattordici anni di lavoro insieme sono tanti e sono pieni di bei ricordi...il piu' simpatico era leggere sulla lavagna della tua stanza le frasi in dialetto genovese che provavo a tradurre e che ti facevano tanto ridere perche' ne cambiavo il senso miseramente.. Matteo, tu eri avanti, avanti con la tua mente brillante che ti permetteva di trovare soluzioni ad ogni cosa e me ne accorgevo quando ti offrivo il mio supporto e tu avevi gia’ fatto tutto da te, non avevi bisogno mai ed eri tu ad offrire il tuo aiuto. Voglio percio’ pensarti avanti anche ora, nella strada che ti porta verso quello che non so immaginare ma che ti vede li che ci sorridi come facevi tu e ci attendi. Arrivederci, amico e collega. Nascera’ un sorriso ogni volta che ti pensero’, per sempre.
Francesca De Mitry, VC Lab - 16 January, 2019

This is so, so sad. I was terribly shocked to hear this news; I still can't really believe it. I had the privilege of working with Matteo and he was such a wonderful and positive person to work with, so full of life and passion. He made great contributions to the field and these will be remembered by us all, as will his human presence which brought only good to everyone who knew him. My sincerest condolences and sympathies to his family and everyone at the Institute in Pisa.
George Drettakis - 16 January, 2019

Gli strani casi della vita, incontrare all'università quel compagno delle elementari perso completamente di vista negli anno dell'adolescenza, e ritrovarlo sempre timido, sempre gentile, sempre con un sorriso per tutti. Non ci vedevamo da un sacco di tempo, mi avrebbe fatto davvero piacere rivederti, so che avremmo riso e scherzato. Un abbraccio.
Simone Cecconi - 16 January, 2019

"Sei di Genova? Allora devi assolutamente conoscere una persona!" E cosi' ci hanno presentati, io muovevo i primi passi in questo ambiente, sentendomi un pulcino tra i giganti. Abbiamo chiacchierato di posti e persone conosciute, ma anche di lavoro e progetti, e ricordo di essermi sentita serena e a mio agio, tra una battuta e una risata. E ogni volta, dopo quel primo incontro, ho ritrovato la stessa atmosfera piacevole incontrandoti. Eri una bella persona, Matteo. La tua bravura, il tuo carattere solare e la tua passione sono riflessi nei risultati del tuo lavoro e nella allegra professionalita' con cui lo hai sempre presentato. La comunita' scientifica perde un membro importante, ma la comunita' umana perde un amico. Il mio pensiero va alla tua famiglia e ai tuoi cari.
Carlotta Capurro - 16 January, 2019

Caro Matteo, ti ricorderò sempre con quel sorriso complice e leggero che accompagnava anche il nostro incrociarci tra i corridoi. Te ne sei andato troppo, troppo presto!
Renzo Beltrame - 16 January, 2019

Per improvvisare ci vuole immaginazione. Per improvvisare bene ci vuole intelligenza emotiva e una grande, meravigliosa capacità di essere stupidi, di abbandonarsi e tornare bambini che giocano insieme. Far ridere e sorridere, raccontare insieme, è un gioco serissimo. E veder giocare Matteo è stato un piacere. E giocarci insieme un privilegio. Che altro dire? Era un uomo gentile in un tempo in cui la gentilezza vale quanto l'oro. E io, come molti in ADA, lo penseremo quando saremo su palco sapendo che il solo pensarlo renderà il gioco migliore.
Federico Guerri - 16 January, 2019

Dopo quasi 20 anni il tuo ricordo era ancora forte in me: il tuo sorriso, la tua serietà e la tua positività. Purtroppo questa notizia crea un grande vuoto vicino a quel lontano ricordo. Un abbraccio ai familiari. Che la terra ti sia lieve.
Federico Comes - 16 January, 2019

Caro Matteo ci mancherai! umberto
Umberto Castellani - 16 January, 2019

Ricercatore brillante e molto competente, pieno di vita, di passione per il tuo lavoro, di idee, di voglia di fare, di progetti da realizzare. Ti ricordo cosí, con un sorriso.
Valeria Garro - 16 January, 2019

Genio ed eleganza, semplice, sorridente, leggera, scherzosa, quasi fiabesca. Come quei musicisti che inventano meraviglie, e sembra sempre che stiano giocando. Esempio difficile da raggiungere. Così eri all’università. Generoso e disponibile, mi aiutasti molto in preparazione del mio Erasmus a Guildford, dove tu eri stato l’anno precedente. Dopo tanti anni di lontananza una mattina prestissimo ti avevo incontrato per caso, in autogrill a Sestri Levante. Un insolito pizzetto, il sorriso ben noto. Giusto il tempo per un caffè insieme e pochissime chiacchiere. Che bella sorpresa era stata. Che crudele sorpresa ora. Ci incontreremo di nuovo, un giorno. Pur senza conoscerli, sono vicino ai tuoi familiari e al loro dolore.
Lorenzo Sale - 16 January, 2019

Non ci sono parole per descrivere il vuoto che questa notizia porta, ma Matteo lascia anche tutta la passione e la gentilezza che metteva in quello che faceva. Ho avuto il piacere di lavorare con lui per la mia tesi magistrale e il tempo passato in laboratorio lo custodirò per sempre nel mio cuore come uno dei ricordi più belli. Grazie di tutto professore. Un grande abbraccio a Paola, Alessio e a tutta la famiglia
Chiara Leoni - 16 January, 2019

Conobbi Matteo tantissimi anni fa, io ero solo un bambino e lui un ragazzo volenteroso che assieme ad altri si impegnava a portare avanti il gruppo dell'ACR di Carignano. Ho molti ricordi in cui lui, con una calma invidiabile, veniva a capo delle marachelle di noi bambini (forse chi ha condiviso quegli anni con me si ricorderà della telefonata "scherzo" al 118 ed il lungo e doveroso rimprovero di Matteo), ma ho molti più ricordi delle risate, degli scherzi e del suo senso dell'umorismo (posso vederlo come fosse ieri mentre ci insegna come ballare la danza del cocomero o mentre ci spiega le regole di qualche gioco che si era inventato assieme agli altri educatori). Per me era una persona speciale, speciale come un educatore può esserlo per un bambino, ma a leggere gli altri messaggi capisco che era rimasto lo stesso e che la sua allegria travolgente e contagiosa non era cambiata. Il ricordo che ho di lui non sbiadirà mai proprio perché era così speciale.
Edoardo Parodi - 16 January, 2019

Avevo sperato di condividere con Matteo una nuova avventura, come altre abbiamo affrontato insieme in passato, e non posso ancora credere che non potremo farlo. Matteo, ci mancherai.
Franco Niccolucci - 16 January, 2019

Ho passato poco tempo con Matteo. Tempo di lavoro. La prima volta che l’ho incontrato ho pensato: “Vai, mi tocca lavorare con un altro genovese!”. Gente strana i genovesi, cresciuti in una città con vicoli così stretti da non far passare il sole, ma sempre con il mare davanti agli occhi. Matteo era genovese: di poche parole, che arriva subito al punto, con un’ironia più sottile e meno diretta di noi toscani, con gli occhi cristallini e una visione oltre l'orizzonte. Ha conquistato la mia fiducia con la sua competenza, la sua solidità che infondeva calma e sicurezza; con quel modo chiaro di dire le cose e trovare le soluzioni ai problemi senza andare in panico; con la battutina che alla fine di una discussione smorzava la tensione. Grazie di questo piccolo pezzo di strada. Buon viaggio.
Francesca Anichini - 16 January, 2019

Siamo stati compagni di classe al liceo. Ti ricordo come un ragazzo riservato, ma poi ho dei flash su certe scenette buffe che ti vedevano come protagonista, nonostante certe mattine difficili con la Giangoia e così sorrido e ti riconosco il merito di aver alleggerito, insieme ad altri, la mia esperienza al Leonardo. Sapevo avresti fatto strada, non mi aspettavo che il tuo percorso si sarebbe interrotto così. Hai lasciato il segno in tanti di noi, mancherai
Paola Maffei - 16 January, 2019

Caro Matteo, ti conoscevo poco come persona eppure mi hai sempre comunicato, in tanti anni, molta forza, gioia, allegria, bellezza. Era fantastico incrociarti ogni tanto. Perdonami se non ce l'ho emotivamente fatta a venire al tuo funerale. Cercherò, per quanto possibile, di tenere vivo il tuo ricordo e di esserci per i tuoi cari. Lasci un grande vuoto in chi ha avuto il privilegio e l'onore di condividere con te un pezzo di strada. Un abbraccio.
Stefania Lombardi - 16 January, 2019

Caro Matte, mi sembra tutto terribilmente ingiusto, soprattutto per la tua giovane splendida famiglia, ma anche per noi tutti. Come con tutti gli amici italiani, abbiamo avuto poche occasioni in questi anni di incontrarci di persona ma siamo riusciti a farlo ogni volta che abbiamo potuto e a sentirci in qualche modo sempre per le cose importanti che ci succedevano dai due capi del mondo. Tu occupi e occuperai sempre un posto speciale nel cuore mio e di Ricardo, sei il nostro testimone di nozze, l'unico scelto insieme. Ci mancherà la tua costante ironia mai cinica, la tua instancabile voglia di donare, la tua capacità unica di essere una persona profonda e leggera allo stesso tempo...non dimenticherò mai le fatiche per chiudere il giorno che sei partito da Rio con 30 gradi una valigia che esplodeva di maculelê, pandero, birimbao, agogô etc. per lo più da regalare e la tua risposta quando in aeroporto insistevo per farla imballare "bisogna dare fiducia ...anche alle cose". Mi piace pensare che non sei andato via ma che resti con noi nelle fattezze di uno di quei personaggi magici e immaginari che ti portavi sempre dietro e ci spruzzerai in testa una polverina, tipo quella di Peter Pan, ogni volta che staremo per prenderci troppo sul serio o pensando solo a noi stessi , per farci sollevare un po' da terra e ricordarci di credere negli altri e nella bellezza della vita come hai saputo fare tu
Antonella Maiello - 16 January, 2019

Ogni giorno incontriamo fiotti di persone. Di molti neanche ci accorgiamo, occupano solo la nostra stessa dimensione spazio temporale. Di altri ci accorgiamo perché ci condividiamo un'attività (un lavoro, un hobby, un evento), e di altri ancora perché fanno parte delle nostre vite e la riempiono d'Amore. Ci sono poi le persone con cui condividiamo un pezzettino di strada, e quelle che durante la nostra formazione ci guidano alla scoperta di nuovi scenari, un po' come la luce del sole al tramonto. Ma quando al calar del sole le vie si separano, quello che rimane è la nobiltà di quanto ricevuto, l'unica cosa che il tempo non cancella. Così quando durante il percorso si finirà in un vicolo cieco, per ritrovare la strada basterà ricorrere al lume che c'è stato lasciato. Caro Alessio, cara Paola, nel suo ruolo di formatore Matteo mi ha accompagnato alla scoperta di nuovi scenari straordinari. Lo conobbi nel 2014, prima ancora che di persona, per telefono. Ero una giovane 25enne appassionata di Digital Heritage e nei vari corsi di formazione incrociai qualcuno che mi fece il suo nome: “Sentilo, è davvero tanto disponibile, ti saprà indirizzare!”. Fu per questo motivo che, qualche tempo dopo, mi iscrissi alla magistrale di Informatica Umanistica. Cercai di non approfittare del pizzico di confidenza che già avevamo, entravo ad ogni lezione in punta di piedi e lo ascoltavo ammaliata. Apprezzavo tanto il suo carisma, il suo humor, la passione con cui ci “raccontava” ogni lezione. A fine corso superai l’esame scritto col massimo dei voi ma andai solo 2 anni dopo a discutere il progetto d’esame, a fine carriera: aspettavo l’idea giusta per stupirlo, per far si che lui si accorgesse di me, volevo strafare e nel mezzo il tempo è scorso veloce. Matteo mi ha lasciato fare, e in questi 2 anni mi ha sempre teso la mano: ad ogni progetto che avevo – che esulasse il suo corso e l’esame - bussavo alla sua porta per chiedere consiglio. In questi due anni è capitato anche che, qualche volta, tornassi a sentire qualche sua lezione per il piacere di sentirlo. Quando finalmente andai a discutere il progetto d’esame, strafeci. Lui mi diede una lezione importante: “non importa quanto fai, ma come lo fai. Mi ero già accorto di te anche senza che mi portassi millemila ricostruzioni 3d. A che servono? È meglio fare poco e bene, così che quel poco faccia la differenza”. Poi arrivò il desiderio di fare un’esperienza in Svezia, nel laboratorio del suo brillante collega e caro amico Nicolò, e anche lì mi supportò con tutto se stesso. Provammo il primo anno senza riuscire (colpa della burocrazia all’italiana!), l’anno seguente andò meglio. Fu l’esperienza più bella della mia vita. Rientrai in Italia quando tu Paola eri in dolce attesa di Alessio, con una tesi da scrivere. Mi disse: “diventerò papà! Sarò meno presente per un po’, ma ci sono”. E c’è stato davvero. C’è stato quando mi ha consigliato se accettare il lavoro che faccio, c’è stato quando gli consegnavo la tesi di notte (esattamente 1 anno fa), con l’acqua alla gola, perché lavoravo. È entrato in empatia con me, col trauma di essermi trasferita in un piccolo paesino del sud (che aveva avuto l’occasione di conoscere) in cui respiravo a fatica, che nulla aveva e ha a che fare con la vivacità culturale di Pisa. Lui mi ha sempre aiutata e spronata, è stato un relatore presente, imparziale e discreto. Mi sono laureata il 15 febbraio 2018. Oggi ho un assegno di ricerca al Polo di Innovazione dei Beni Culturali della Calabria. Ci siamo sentiti qualche volta dopo la mia laurea, ma non ci siamo più rivisti. Non so che mestiere farò domani, ma porto nel cuore gli insegnamenti di Matteo. Mi ha lasciato gli strumenti per spiccare il volo da sola, ma più che mai mi ha insegnato che bisogna sempre rimanere fedeli a sé stessi, alla propria integrità morale e intellettuale, alle proprie passioni. Da Matteo ho imparato che è possibile arrivare in alto rimanendo leali e che l'arma di combattimento migliore è la gentilezza. Caro Alessio, Cara Paola, spero che voi possiate trovare sollievo nella bellezza che Matteo ha lasciato. Prof: "Goodbay and thanks for all the fish!".
Valentina Rossetti - 16 January, 2019

I feel shocked and profoundly sad for this terrible unexpected news. Matteo was an extraordinary and generous researcher, and a great clever person. I totally agree with Roberto when he says that Matteo was extremely able to enter in profound relationship with other humans; I basically met him during conferences, but I always felt like we were good and old friends. It was always a pleasure to exchange opinions about work and life with him. During GCH in 2016, I remember Matteo, after a long and hard day, offering to guide me and other collegues through the streets of his city Genova, telling us stories and funny anecdotes with his incredible humor and joy. I don't have right words to say how I will miss Matteo a lot!!!
Ruggero Pintus - 17 January, 2019

Matteo, mi mancherà il tuo sorriso ed il tuo saluto nei corridoi dell’ufficio, mi mancherà il tuo tavolo con la frutta che scorgevo passando nel corridoio. Non ho avuto il tempo neppure di accorgermi della tua sofferenza, Negli stessi giorni ero impegnata a cercare di risolvere i miei problemi di salute e mi sono resa conto della tua battaglia solo il giorno dell’iscrizione al CRAL, quando ti ho riconosciuto prima per la tua voce e poi per il tuo aspetto. E’ stato per me un dispiacere fortissimo sapere cosa stavi passando e speravo anche io in una conclusione felice. Purtroppo la vita sa essere crudele. Tu comunque resterai nei ricordi e nel cuore di noi tutti e chi ti conosce meglio avrà anche la fortuna di cercarti negli occhi e nel modo di essere di tuo figlio. Arrivederci
Caterina D’Angelo - 17 January, 2019

It was a great pleasure and an true honour to have had the chance to know and work with you, Matteo. He's leaving an indelible footprint for it's scientific and human skills both animated by the most kindhearted and smartest spirit. I'll remember him as one of the brilliant scientist I loved to read while studying, as the funny teacher behind Mister P. and as the generous man you enjoy at every meetings. As I imagine he was sharing without concession love as his knowledge, I'm sending from Marseille my deepest and caring thoughts, not only to his colleagues but also to his family. Ciao Matteo.
Anthony Pamart - 17 January, 2019

ciao Matteo, ho conosciuto poco di te ma sono rimasta subito colpita dal sorriso e dalla tua vivace intelligenza e personalità. Resta poco da dire se non che mi dispiace sapere che non sei più fisicamente fra noi, ma lo sarai sempre nei nostri cuori. Un abbraccio a te e alla tua famiglia
Lucia - 17 January, 2019

My thoughts are with his family in particular, but also everyone that knew Matteo. I met Matteo in various roles/occasions during my time in academia, and he was a truly great person and researcher. I will always remember Matteo as putting a smile on people’s faces and lighting up the room and atmosphere, whilst always contributing with his scientific excellence to the research lab and community. He has made me laugh many times and I am very grateful to have got to meet him. He was always happy to help others and is a true inspiration for all of us. Thinking of you all in this difficult time. Hugs and you will never be forgotten Matteo.
Veronica Sundstedt - 17 January, 2019

Ho avuto la possibilita' di conoscere Matteo solo nell'ultimo anno, per motivi di lavoro. Da subito, mi ha colpito la sua disponibilita' fuori dal comune. Anche durante la malattia, non si e' voluto tirare indietro di fronte agli impegni presi. Un forte abbraccio ai suoi cari e ai colleghi che hanno lavorato quotidianamente con lui.
Oscar Peverini - 17 January, 2019

Matteo è stata la prima persona che ho conosciuto al CNR. Ho avuto la fortuna di condividere con lui tanti anni, dove il lavoro diventava spesso un piacere grazie alla sua ironia ed alla sua vitalità. Mi piace aggiungere qualcos'altro di lui, tra queste memorie. Per esempio che non liquidava mai nulla con superficialità. Oppure il fatto che non l'ho visto praticamente mai perdere quel sorriso di cui molti scrivono. Ci sono momenti di rabbia, di tensione, di delusione, in tutti. Anche in Matteo ovviamente, ma quel sorriso nel nostro ufficio non ci abbandonava mai. Quella voglia di scherzare, di canzonare, era una cosa profonda. Era l'indole dei clown, ed infatti Matteo adorava quel mondo ed aveva intrapreso con grande soddisfazione una scuola di attività circensi. Solo pochi giorni fa, giocavo con mia figlia con il naso da clown che lui e Paola ci avevano regalato al loro matrimonio. Matteo credeva fortemente in tutto quello che faceva, nella fede, nell'amicizia, nell'amore ed amava il suo lavoro, che svolgeva in maniera eccellente. Era una di quelle persone che comprendono qual è la propria strada e cercano, giorno dopo giorno, di seguirla. Matteo desiderava fortemente lavorare nel settore dell'informatica per i Beni Culturali ed aveva fatto numerosi tentativi altrove prima di approdare al VCLab. E qui aveva trovato la sua casa, dove si è speso moltissimo, non solo per sè ma anche per il gruppo. Sulle sue doti umane non ci sono parole da aggiungere. Se è vero che uno semina quello che raccoglie, Paola (anche lei una persona straordinaria) ed Alessio raccoglieranno tanto, tantissimo. I semi che Matteo ha gettato ovunque, secondo me, stanno già crescendo. Lo si capisce da queste dediche e da tutte le cose che si sono messe in moto dopo la sua scomparsa. Grazie dal profondo del cuore per tutti i bei momenti passati insieme
Massimiliano Corsini - 17 January, 2019

What can I say about Matteo that hasn't already been expressed here? He was a great researcher and also a fantastic teacher. His ability to explain complex subjects and answer difficult questions in ways that not so technical people could understand was truly remarkable. His passing is a huge loss to the entire community of cultural heritage caretakers and researchers. It was always a joy to see him at conferences and have the chance to talk to him or sit in on one of his tutorials. He made an enormous difference and he will be missed.
Carla Schroer - 18 January, 2019

I know Matteo from my six month stay in the research group. From the first day on I remember him being one of the most thoughtful and nice people I've ever met. I shared my office with Matteo for the second half of my stay. Looking back at the time, I was usually in the office earlier than him, but my mood got much better once he arrived and walked into the room!
Patrick Seemann - 18 January, 2019

La tua scomparsa mi ha lasciata di sasso, Matteo. Ci siamo conosciuti per motivi lavorativi, la tua professionalità e cortesia hanno sempre contraddistinto la partecipazione nel Corso di Laurea in informatica umanistica, al quale hai dato pregio. Che la terra ti sia lieve...
Silvia Policella - 18 January, 2019

I am shocked and saddened by this loss, struggling to find the right words to express my sadness. We interacted many times in the last 15 years in the context of projects and papers. It was always great to meet and interact with Matteo and I will keep many happy memories. My condolences to Matteo's family.
Michael Goesele - 18 January, 2019

Ciao Matteo... Ciao Mister P... grazie di tutto e soprattutto grazie della persona che sei stato! hai sempre dato degli ottimi consigli professionali e non ! rimarrai sempre nei miei ricordi!
Andrea Fantini - 18 January, 2019

Ho atteso per scrivere un mio ricordo di Matteo. Non è mai facile accettare che la vita possa portare via una persona giovane e con tutto ancora davanti. Ho avuto il piacere di apprezzare le sue doti umane e professionali mentre abbiamo lavorato sulla fontana del Nettuno. La grande pazienza, attenzione, cura e professionalità che ci ha sempre dimostrato si coniugava con la curiosità e la volontà di fare del nostro comune lavoro una crescita costante. La nostra è stata più una conoscenza "da remoto" eppure ho sempre davanti il suo sorriso, gentile e disponibile, e lo sguardo sensibile e serio al tempo stesso. Non saranno queste poche parole, purtroppo, ad alleviare il dolore dei suoi cari ma sono qui per ricordare un giovane uomo che ci ha insegnato molto e che non dimenticherò mai. Con tutto il mio cuore, ti abbraccio Matteo...ovunque tu sia. Wilma
Wilma Basilissi - 18 January, 2019

Sincerely condolences to Matteo’s family and all the team members in Pisa
Marco Zajac - 18 January, 2019

Non mi sono mai domandato perché, sin dall'inizio, sceglievo sempre te come interlocutore ogni volta che volevo chiedervi consiglio per un'idea un po' fuori dalle righe, che permetteva di condividere sia una riflessione scientifica che una risata. Ovunque tu sia, continua a guardare il mondo con la bonarietà e la lucidità che ci hai regalato.
Augusto Palombini - 18 January, 2019

Ciao Matteo. Grazie per l'ascolto, l'attenzione, i consigli, l'empatia. Ti interessava che gli altri stessero bene, e ti impegnavi perché accadesse, sempre. Eri una persona bella, ed è stato un privilegio incontrarti. Un abbraccio, Matte, a te e a chi ti ha amato tanto. E' una magra consolazione, ma hai lasciato una traccia in tutti noi, e questo resterà.
Daniela Giorgi - 19 January, 2019

Caro Matteo Il pensiero mi porta a te e a una costante della tua persona, il sorriso. Dal giorno in cui ti ho conosciuto a quello del Convegno del Cnr a Roma, nel lontano 2008, fino al progetto del Nettuno a Bologna hai sempre mostrato il bel sorriso e la grande pazienza che ti contraddistinguevano. Ho condiviso con te tante belle iniziative tecniche, artistiche e umane. Ora mi manchi, sempre ti ricorderò.
Angelo Rubino - 20 January, 2019

Ciao Matteo, anche se ci siamo conosciuti meno di quanto avrei voluto, serberò sempre un bel ricordo di te. Un abbraccio forte e sincere condoglianze alla tua famiglia.
Stefano Marras - 21 January, 2019

Goodbye, Matteo! With you, we lost a dear colleague and an outstanding computer scientist. We will always hold you in grateful remembrance! Mach et joot! Felix & Michael
Felix Kussmaul and Michael Remmy (Cologne) - 21 January, 2019

Rivolgo sentite condoglianze alla famiglia e ai più vicini collaboratori del professore, che ho conosciuto quale ETS di un nostro progetto MISE.
Tullio Cosenza - 22 January, 2019

Ciao Matteo, addolorata dalla triste notizia appresa solo oggi, sento la necessità di scriverti per far sapere alla tua amatissima moglie Paola, ma soprattutto al tuo piccolo e dolcissimo bimbo, Alessio, quanto “grande”, coraggioso, gentile e intellettualmente onesto fosse il suo papà! Molti ti conoscono come ricercatore geniale, quale tu eri, ma solo in pochi ti conoscono come esperto valutatore di progetti di ricerca: professionista serio, competente, dotato di un senso di equità e di una dedizione al lavoro fuori dal comune! Di te ricorderò sempre il senso di responsabilità per il lavoro e la tua innata serenità (in questi mesi non ti ho mai sentito sconfortato ma sempre ottimista), anche nel dramma che stavi vivendo!
Stefania Ascione - 22 January, 2019

Purtroppo, recentemente ho saputo dai miei cari amici e colleghi italiani della battaglia che Matteo ha combattuto per la sua vita negli ultimi mesi. Vorrei inviare un caloroso abbraccio a tutti i suoi colleghi e amici di Pisa, ma soprattutto trasmettere il mio più profondo affetto e tenerezza alla famiglia più vicina di Matteo. Ovunque sia ora, Matteo e la sua memoria accompagneranno i suoi amici e la sua famiglia per tutta la vita. La vita e l'amore a volte si estendono e si modellano in diverse dimensioni. Ora avremo bisogno di cercare e guardare meglio in quelle dimensioni inesplorate per trovare l'eredità di Matteo laggiù. "Life and love sometimes span and shape themselves in different dimensions. Now we will need to research and look better into those unexplored dimensions in order to find Matteo's legacy over there."
Jose A. Iglesias-Guitian - 22 January, 2019

Matteo, lo spirito positivo con cui affrontavi le cose della vita sarà sempre un esempio per me. Sei stato una fortuna per tutti quelli che hanno avuto a che fare con te. Mi mancherai molto.
Marco Tarini - 23 January, 2019

Ho conosciuto Matteo in una revisione di progetto e avuto modo di apprezzarne le caratteristiche di gentilezza, simpatia e profonda competenza. Anche se non li conosco personalmente, un abbraccio forte e sincero a Paola ed Alessio.
Massimo De Santo - 23 January, 2019

I first met Matteo (and his trusty companion, Mister P) when he visited my university in Lund to give a series of lectures to our Digital Archaeology class in 2010. He made a lasting impression on me. We stayed in sporadic e-mail and conference contact over the years as I began my career in digital cultural heritage. He was always quick to offer help, advice and encouragement. Matteo approached the world with an enthusiastic curiosity which made him an indefatigable, intelligent researcher. He had a keen sense of humor and his laughter and mischievous smile endeared him to people instantly! Above all, he treated others with sincerity, interest and a willingness to help that made people feel full of potential. He spoke on a level that was easy to connect with, making his subject matter not only accessible, but exciting! As such, he was truly a unique ambassador for the field of computer science. These factors combined into a perfect storm to make Matteo a dynamic mentor, educator, collaborator, colleague and friend. Matteo is irreplaceable. His presence will be sorely missed, but his impact will continue through all of those he has touched and inspired both professionally and personally. My profound condolences to his family, friends and colleagues.
Chelsea Graham - 25 January, 2019

Dopo aver conosciuto Matteo ad Urbino, per una di quelle lezioni delle quali si porta il ricordo per anni, per tutto questo tempo è stato uno dei miei riferimenti nell'immaginare la bellezza di questo lavoro, delle persone che ci orbitano attorno e della ricchezza di spirito che possono contraddistinguerle. Non sono mai riuscito a dirti come le tue idee ed i tuoi consigli siano stati, dopo alcuni anni, la chiave per la nascita di alcune cose bellissime per le quali non potrò che ringraziarti per sempre. Manchi davvero tanto, manca il tuo sorriso e la tua generosità. Ciao
Vanja Macovaz - 03 February, 2019

Caro Matteo, ricordo la tua capacità di donare una moneta a chi per strada te la domandava e tu, con fare serio, ti raccomandavi di non sprecarla in vizi. Ricordo che hai voluto bene anche a me, che abbiamo passato delle belle giornate insieme e che non ti ho mai visto pessimista nei confronti di niente. Ho sempre pensato che tu conoscessi la meta e con fiducia hai seguito la strada che man mano ti si poneva innanzi. Così, ora che i difetti non contano più, ma restano solo le opere, sarai giunto nel Paradiso che desideravi.
Paolo Brivio - 04 February, 2019